Osteopata Chinesiologo a Figline e Incisa Valdarno
Visita lo Studio
Figline Valdarno
Contattami
392 972 5232
Orari di apertura
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
Respirazione diaframmatica

La respirazione diaframmatica

Nel mio precedente articolo ti ho spiegato come funziona il diaframma toracico, adesso ti illustro qualche semplice esercizio per farlo funzionare meglio attraverso una consapevole respirazione diaframmatica.

Preciso che sul web sono presenti moltissimi contenuti di questo tipo, perciò puoi trovare molte altre fonti di ispirazione. Per facilitare la tua ricerca considera che “respirazione diaframmatica”, “respirazione profonda” e “respirazione addominale” sono la stessa cosa!

Indice degli argomenti:

  1. Ecco perché conviene usare la respirazione diaframmatica
  2. Qualche esercizio per imparare la respirazione diaframmatica

 

Ecco perché conviene usare la respirazione diaframmatica

La respirazione toracica non ha niente di sbagliato, ma dovrebbe essere impiegata per svolgere le attività più intense.  Molti di noi, invece, la usano come respirazione preferenziale ed ovviamente lo fanno in maniera del tutto inconsapevole. La respirazione toracica è meno efficiente perché spinge l’aria nella parte alta dei polmoni, in una zona cioè, dove lo tra scambio tra ossigeno e CO2 è meno favorevole rispetto a quanto lo sia nella porzione bassa dei polmoni. La respirazione diaframmatica o addominale, che porta l’ossigeno nella parte inferiore dei polmoni, è dunque preferibile perché comporta una migliore ossigenazione.

Qualche esercizio per imparare la respirazione diaframmatica

Quando parliamo di esercizi per la respirazione diaframmatica in realtà parliamo di esercizi che aiutano a sviluppare la consapevolezza di questo movimento. Il primo step di questa “rieducazione” è chiederti: “Come sto respirando in questo momento?” Una volta che hai capito quale tipo di respirazione stai attuando, prova a ripeterti la stessa domanda in vari momenti della giornata e a correggerti, provando a respirare usando la pancia.

Vediamo adesso due semplici esercizi. Il primo sere a visualizzare il movimento dell’addome, il secondo serve ad inibire il movimento del torace.

  1. Sdraiati a pancia in su, va bene anche con le gambe piegate, poggia un libro sull’addome e cerca di muoverlo su e giù usando la respirazione
  2. Siediti in posizione comoda, va bene anche in ginocchio o a gambe incrociate purché tu possa mantenere la schiena ben eretta, e legati attorno al torace un elastico morbido, di quelli che si usano per fare stretching (possono andare bene anche un paio di collant elastici) e cerca di respirare senza fare spostare gli elastici. Per forzare la respirazione diaframmatica può anche essere usata una cintura da allacciare attorno al torace in maniera da inibire completamente l’uso della respirazione toracica.

Come avrai capito questi esercizi servono per insegnarti a riconoscere i due tipi di respirazione. Ricordati che la consapevolezza del proprio modo di respirare è il primo passo per avere una respirazione più efficiente nell’arco dell’intera giornata.

Quali benefici otterrai usando la respirazione diaframmatica?

  • maggiore controllo sulle emozioni difficili, come ansia e stress
  • migliore qualità del sonno
  • maggiore ossigenazione del sangue
  • stimolazione del drenaggio del sistema linfatico
  • riduzione delle contratture muscolari
  • ottimizzazione delle funzioni digestive
  • armonia della postura
  • aumento dell’elasticità del corpo
  • migliori performance sportive
  • più agevole modulazione della voce

 

2 commenti

  1. Pingback: Il diaframma toracico – Dott. Matteo Balocco

  2. Pingback: 10 minuti di stretching – Dott. Matteo Balocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivimi su Whatsapp
Posso aiutarti?
Ciao ,
come posso aiutarti ?